sabato 28 gennaio 2017

Recensione: Il gatto che insegnava ad essere felici - di Rachel Wells

Buon pomeriggio cari lettori!
Come promesso nel precedente post, oggi finalmente riesco a postare la recensione di un libro!! Evviva!! 😜😜
Ringrazio la casa editrice Garzanti per avermi spedito una copia cartacea di questo romanzo, e visto che è da novembre che sosta sul mio comodino, ammetto di averci messo una vita a leggerlo e per questo mi scuso. 😭
Purtroppo a rallentare la lettura ci si sono messi di mezzo parecchie cose tra cui, e mi dispiace ammetterlo, il poco coinvolgimento che questa nuova avventura del gatto Alfie ha avuto su di me.
E se mi chiedete meglio il primo romanzo (Il gatto che aggiustava i cuori) o questo, io ad occhi chiusi risponderei: il primo senza alcun dubbio!


Trama
Per un gatto come Alfie non esiste niente di meglio che scorrazzare per i giardini di Edgar Road. Solo lì si sente a casa. Gli abitanti del quartiere lo accudiscono come una vera famiglia. Hanno imparato ad amarlo e non possono più fare a meno di lui. Perché Alfie ha un dono unico: è in grado di ascoltare i bisogni inconfessati. Solo lui ha capito che Claire vorrebbe tanto avere un figlio e che il piccolo Aleksy ha problemi a scuola. Alfie è lì per aiutarli e insegnare loro a cercare di nuovo la felicità. Ma all’improvviso nella via arrivano dei nuovi vicini i cui movimenti appaiono sospetti: hanno traslocato di notte e non fanno amicizia con nessuno. L’armonia del quartiere è in pericolo e Alfie deve fare qualcosa. Eppure loro provano di tutto per tenerlo lontano. Soprattutto Palla di Neve, la loro affascinante gatta diffidente e dispettosa, blocca ogni suo tentativo di capire cosa sta succedendo. E ogni suo tentativo di avvicinarsi a lei. Alfie è convinto che dietro quegli strani atteggiamenti si nasconda solo una richiesta di aiuto, dietro quelle facce tristi solo la voglia di trovare conforto. E piano piano la nuova famiglia si accorge di quanto lui sia prezioso per la loro vita. È l’unico che può accendere il loro futuro di nuova speranza. Perché Alfie sa che si deve lasciare il cuore aperto a nuovi amici, nuove avventure, nuovi incontri inaspettati. E anche all’amore, che arriva sempre quando si crede di averlo perduto per sempre. 



In questa seconda avventura del gatto Alfie, ritroviamo le famiglie che nel primo episodio lo hanno accolto e amato, con delle ovvie differenze: Claire e Jonathan si sono sposati e cercano di costruirsi una famiglia; Polly e Math vivono serenamente, e la famiglia polacca a cui Alfie si era affezionato, si sono trasferiti poco più in là, sopra un ristorante di loro proprietà.
Tutto sembra andare alla grande per il micio grigio: è coccolato e viziato da tutti i suoi padroni, i gatti del quartiere sono diventati suoi amici, e a parte qualche piccola disavventura la vita gli sorride.

Quando però arriva una nuova famiglia in Edgar Road, le cose cambiano all'improvviso.
I nuovi vicini sono schivi e asociali, si vedono di rado, non parlano con nessuno e sembrano nascondere tetri segreti.
Con loro giunge anche Palla di Neve, una gatta bianca di cui Elfie si innamora perdutamente, ma la quale sembra volerlo evitare a tutti i costi.



"Ci sono parecchie cose del mondo che ancora non so", ho ammesso.
"Ci sono parecchie cose che nessuno di noi sa. 
Ma basta apprezzare ciò che hai e prenderti cura di coloro che ti vogliono bene".

Un insieme di piccoli problemi assalgono dunque Alfie, il quale si definisce "un gatto in grado di risolvere i problemi degli umani", e come tale si erge a paladino per trovare una soluzione alle controversie che nel corso del romanzo si vengono a creare.

Purtroppo, ciò che mi ha reso difficoltoso leggere il libro, è stato proprio il comportamento del protagonista.
Alfie è molto dolce, tenero e desideroso di aiutare il prossimo, ma questa volta mi è parso troppo artificiale.
Non è più un gatto con una sensibilità innata, ma un animale che ragiona come un vero e proprio umano, e per questo piuttosto finto.

Un punto di favore va ai problemi delle persone che l'autrice affronta nel romanzo: il bullismo, il dolore per la ricerca di un bambino che non arriva, il bigottismo e l'esasperante curiosità che possono avere i vicini di casa, e tante altre cose, sebbene questo non sia servito a farmi guardare Alfie con occhi teneri come quando lessi "Il gatto che aggiustava i cuori".

Con sincerità posso dire che non sconsiglio la lettura di questo libro per gli amanti degli animali con  grandi caratteristiche umane, ma mi sento comunque di dare il voto "Non mi ha convinto", proprio perchè Alfie non è riuscito a conquistarmi come nel primo romanzo. 😞
Valutazione finale: 1/4
Non mi ha convinto
 






Ovviamente sono curiosa di leggere anche i vostri pareri: avete già letto questo libro? Cosa ne pensate?
Un grande abbraccio e buon weed end!! 😊



 









15 commenti:

  1. Jasmine ciao!
    Il primo libro non l'ho ancora letto ma voglio farlo perchè adoro i gatti. Mi dispiace che questo secondo ti abbia delusa :( ma purtroppo capita

    RispondiElimina
    Risposte
    1. doppio commento... dì la verità ti mancava vero? ah ah
      volevo dirti che il nuovo header col rosa il mio colore preferito è molto bello :)

      Elimina
    2. I tuoi doppi commenti fanno ormai parte del blog!! hahaah!!
      Capita, lo so..purtroppo a volte iniziamo a leggere pieni di entusiasmo e poi si ferma tutto! :(
      Grazie per l'header! :) sono davvero stanca di questo freddo gelido e avevo voglia di qualcosa che mi ricordasse la primavera. E poi niente cose complicate: solo semplicità! ;)
      Un abbraccio! <3

      Elimina
  2. Ciao Jasmine^^
    sinceramente questo libro non mi tira. Sarà perché io e i gatti non andiamo molto d'accordo ahah Preferisco di gran lunga i cani *-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nicky!
      Se non sei molto in sintonia con i gatti, allora questo libro non fa decisamente per te!!! :D :D

      Elimina
  3. Ciao Jasmine, anche a me era piaciuto tantissimo il primo libro: tra poco leggerò questo e vedrò se anch'io noterò questo tipo di caratterizzazione "poco felina e molto umana" di Alfie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ariel! Sono davvero curiosa di leggere la tua recensione e sapere cosa ne pensi! :) :)

      Elimina
  4. Ho letto il primo libro e mi é piaciuto... ma mi sa che per adesso non leggeró il secondo!
    Grazie per la recensione sincera!

    Ho appena scoperto il tuo bellissimo blog e mi sono immediatamente unita ai tuoi lettori fissi!
    Se ti va ti aspetto da me!
    http://lamammadisophia2016.blogspot.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Benedetta!
      È un parere un po' triste però purtroppo il libro non è stato ciò che mi aspettavo :(

      Passo volentieri a vedere il tuo Blog! :)

      Elimina
  5. Non conoscevo questo libro, non mi attira
    Mi sono iscritta al tuo blog se ti fa piacere ricambia :)
    http://goldbeautyyy.blogspot.com/

    RispondiElimina
  6. Ciao,
    Sono una tua nuova lettrice fissa e mi piace molto il tuo blog.
    Se ti va di rimanere in contatto e magari unirvi ai miei lettori ti aspetto nel mio blog
    vivereromance.blogspot.com

    RispondiElimina
  7. Finalmente posso leggere una tua recensione, Jasmine! Mi mancavano!
    Non ho letto nulla del gatto Alfie, ancora, e sinceramente non avevo neanche capito che uno fosse il seguito dell'altro. Comunque, appena potrò leggerò il primo e poi deciderò se proseguire, tenendo conto delle tue indicazioni di un gatto troppo umanizzato, che neanche a me piace molto come cosa!
    Spero di leggerti presto di nuovoooooooo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nik!!
      A me è mancanto tantissimo tornare a leggere e scrivere recensioni!
      Per fortuna ora sto tornando in carreggiata! ;)
      Il primo libro te lo consiglio sicuramente... questo meglio di no! :(
      Un bacione!!! <3 <3 <3

      Elimina

Questo blog vive grazie a voi lettori, che seguite e leggete i miei post.
Lasciate un commento e mi renderete felice! :)