venerdì 18 novembre 2016

Recensione: Petali di me - di Serena Di Caprio

Buon venerdì cari lettori! :)
Finalmente riesco a tornare sul blog con una recensione. So che ci ho messo tanto (e ci metterò ancora molto tempo a tornare attiva come prima), ma a mia discolpa posso dire che mi sto davvero impegnando! ;)
Intanto oggi voglio parlarvi del libro "Petali di me", di cui la casa editrice Fabbri Editori mi ha gentilmente donato una copia digitale, e che ringrazio con calore.
E' un romanzo che è stato molto apprezzato da altre bloggher non solo per il contenuto, ma anche per la grafica davvero unica, fatta di immagini colorate che danno un tocco davvero particolare al libro.
Purtroppo non posso dire di persona come sia stato vederle, perchè nel kindle c'è solo il bianco e nero, ma se fate un giro in libreria vi consiglio di prendetevi del tempo per sfogliarne le pagine! ;)



Trama
Il mondo di Azzurra va in pezzi quando scopre che il suo legame con Leo è costruito su una menzogna: il tradimento di lui è un duro colpo, ma ancora di più lo è sapere che il ragazzo che credeva di amare non è mai stato sincero e le ha nascosto un segreto che forse non aveva confessato neanche a se stesso. Un amore che finisce ti spezza sempre il cuore: ti fa soffrire, sgretola le tue certezze, ti fa piangere fino quasi ad allagarti dentro. Ma quando a ridurti così è la tua prima cotta, l’amico di una vita e il compagno di tante avventure, superarlo appare davvero impossibile. Dopo Leo, infatti, ogni relazione sembra difficile, e soprattutto sembra difficile poter ricominciare a credere in sé e negli altri. Eppure ci sono dolori per cui piangiamo, ma che non rimpiangeremo mai. Perché ci fanno comprendere che a volte l’amore è tutto, e a volte non è abbastanza. Che per rinascere bisogna morire. Che prima di piacere agli altri bisogna provare a voler bene a se stessi. E perché sono l’inizio di un cammino che ci insegna a crescere, a superare le delusioni e a vivere ogni emozione fino in fondo, trasformando le nostre insicurezze in splendide ali di farfalla.
Azzurra  è un'adolescente che sta crescendo, ha degli amici e un amico per cui prova un sentimento che pian piano diventa amore.
Il primo amore non si può dimenticare. Forse proprio perchè è la prima volta che il cuore sembra esploderci in petto, forse perchè iniziamo a provare sentimenti di cui ignoravamo l'esistenza, o forse perchè il mondo pare fermarsi quando incontriamo gli occhi di quella persona.
Comunque vadano le cose, quel primo amore lascerà un segno indelebile nei nostri ricordi.





Leonardo è per Azzurra uno di questi ricordi. E' il suo miglior amico, un confidende, qualcuno con cui condividere il dolore di vedere i propri genitori separarsi, la propria famiglia sgretolarsi.
Eppure la loro relazione è fatta anche di molti silenzi, sentimenti quasi ignorati, pensieri che non trovano sfogo.
Il loro primo bacio è meraviglioso, ma quando Azzurra si lascia condurre tra le braccia di una nuova esperienza, molto delicata e importante, tutto inizia ad andare in frantumi.
La loro prima volta non è come lei se l'era aspettata. Soprattutto Leonardo non è come lei se lo immaginava.
Qui mi fermo per un attimo, perchè devo fare uno SPOILER. Un particolare che non posso tralasciare per darvi il mio parere. Quindi siete avvisati...

La stessa notte che Leonardo passa con Azzurra, la trascorre anche con qualcun'altro: Carlo.
Non è che questa cosa mi abbia infastidito dal punto di vista omosessuale, ma il fatto che questo ragazzo si ostini a rovinare un momento tanto importante e romantico ad Azzurra, non solo con un tradimento, ma anche mettendo in mezzo un amico altrettanto importante per la ragazza.


Fu uno di quei dolori che ti entra dentro, dappertutto, 
che ti spacca in due e non ti fa più respirare, che non sai neanche più chi sei,
 dove vai, cosa stai facendo; che si trasforma in apatia, insofferenza, inesistenza.
Un dolore che diventa te, che parla per te, mangia per te, vive per te.
Uno di quei dolori lì, insomma.


Da qui in poi ho iniziato a detestare Azzurra. Il suo modo di reagire, molto calmo e misurato, fatto di lacrime celate e accondiscendenza, non mi è piaciuto affatto.
Accetto il fatto che un simile tradimento possa essere sempre elaborato in modi differenti, ma in questo caso avrei voluto entrare nel libro e dare una bella scrollata alla protagonista.
Nemmeno per un secondo ho capito come potesse continuare a stare insieme a Leonardo, a fingere di essere ancora una coppia, per poi chiedergli come andessero le cose con Carlo.
Vederla seduta al bar in compagnia di Leonardo, Carlo e Alice (la sua migliore amica), come se nulla fosse accaduto, mi ha fatto letteralmente andare fuori di testa.

Di sicuro leggere questa storia mi ha fatto comprendere quanto strano possa essere l'elaborazione di un dolore o delusione amorosa, e quanto diverse possano essere le reazioni delle persone.
Azzurra mi è sembrata talmente debole e sottomessa da darmi adirittura fastidio, perchè al suo posto avrei preso a sberle sia Leonardo che Carlo, li avrei mandati a quel paese e poi avrei pianto le mie lacrime.
Non avrei mai finto che nulla fosse accaduto, escludendo un confronto diretto per chiarire ciò che era successo.

Ovviamente, però, come sempre accade, quando non siamo noi a prendere l'iniziativa e mettere la parola FINE a qualcosa di sbagliato e sofferente, è il destino a metterci il suo zampino.
Per Azzurra, il diploma di Leonardo è quel tasto, e in quell'ultimo anno di scuola senza lui, ricomincia a guarire le proprie ferite, a lasciare amicizie che fanno solo soffrire e riprendersi la vita che merita.
Piano piano si trasferisce, trova un lavoro, studia, si fa nuovi amici e inizia un nuovo amore, più maturo e consapevole.


Se è amore, sarà sempre, e in ogni dove, in ogni situazione, amore.

 
Petali di me è una storia di delusione amorosa e dolore. Un dolore affrontato lentamente, di cui quasi non si riesce a fare a meno. Per Azzurra questo è l'inizio di un percoso che porta alla consapevolezza di sè stessi, di chi si è veramente, di quali siano le proprie capacità e forze.
E' un percorso di amore per se stessi, di rivincita verso chi ci ha usati e fatto soffrire, il tutto accompagnato da citazioni famose e non, che toccano il cuore.


Devi saperlo, devi sapere che, 
nonostante milioni di persone migliori di te, 
tu rimani sempre e comunque speciale, per te.


Voto: 2/4 Bello











16 commenti:

  1. Anche a me è piaciuto. Molto delicato e vero ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ophelie! :)
      è bello avere un parere simile! ;)

      Elimina
  2. Mmmmm...capisco il fastidio che hai provato. Anche io non sopporto persone o personaggi così sottomessi, che sia tra le pagine di un libro o nella vita!! Però come dici tu ognuno elabora il dolore in modo diverso ed è bene considerarli tutti. Comunque, bella la trama, mi è piaciuta molto! Ciau Jasmine, buona notte:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nik! Fa piacere avere la stessa opinione su questo punto, perché è un particolare che non ho trovato in altre recensioni. Sembra abbia infastidito solo me :(
      A parte questo la storia è realistica e guarda le cose da un punto di vista molto attuale! :)
      Un bacione!

      Elimina
  3. Jasmine ciao!
    Come sai aspettavo di leggere questa tua recensione. Non importa il tempo che ci metti l'importante è quello che scrivi ;)
    Le protagoniste come tu hai dipinto Azzurra non mi piacciono per niente, quindi capisco benissimo il tuo punto di vista.
    La trama è molto carina, ma a questo punto penso che non sarà la prossima lettura.
    Un abbraccio <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao susy!! Grazie! <3 <3 <3
      Scrivere questa recensione è stato un po' stano... Avevo letto altri pareri e il mio va molto controcorrente. Ma pazienza.. Dopotutto questo è quello che penso.
      Azzurra è stata un delusione per me.... Ma probabilmente perché abbiamo due caratteri molto diversi... Situazioni di questo tipo io le affronterei come un tornado. C'è una mancanza di rispetto nei suoi confronti sia da parte si Leonardo che Carlo, davvero inaccettabile.
      No no.. Io avrei fatto tabula rasa. Poco ma sicuro! ;)
      Un abbraccio! <3

      Elimina
  4. Jasmine cara <3 una recensione bellissima, delicata ma piena di cuore. Questa lettura non l'avevo messa subito in WL, è entrata ed uscita più volte dalla WL veramente, c'era un qualcosa che in effetti non mi suonava. La tua recensione mi ha fatto inquadrare molto meglio "Petali di me" e penso che, pur mantenendola in lista, non sarà una prossima lettura. In futuro vedremo <3 Un abbraccio grande grande col cuore :**

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ely! :) Ti ringrazio, e ti capisco: dopo la mia recensione sarei in dubbio anch'io se leggerlo o meno! Ma penso farei la tua stessa scelta... In lista ma senza urgenza! ;)
      Un bacione!

      Elimina
  5. Wow! Ho da poco terminato di leggere anch'io una storia molto delicata e ora che vedo il tuo post... Forse è destino che legga anche questo libro XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Gresi! :)
      Forse per te è proprio il periodo giusto per questo tipo di storie! ;)
      Io proprio non mi so decidere, sto leggendo altri due libri, molto diversi tra loro, ma entrambi con fatica. Credo di dover cambiare proprio genere!! ;)

      Elimina
  6. Questa settimana l'avete recensito in molti. E' veramente bello, lo metto in lista di sicuro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sara!
      Sì, in effetti sta spopolando molto questo libro!;)
      Credo sia merito anche del mix di immagini e citazioni che lo compongono e che meritano molto! :)

      Elimina
  7. Non mi è piaciuta questa recensione perché mi è sembrata abbastanza superficiale. Ci si sofferma solo ed esclusivamente su un tratto del libro, sull'atteggiamento di Azzurra senza andare oltre (in fondo parliamo sembre di un personaggio di 15-16 anni), senza considerare l'evoluzione che il personaggio compie durante il racconto ne il fatto che (a quanto ho potuto capire) l'autrice ha volutamente evidenziato queste caratteristiche di "Azzurra irrazionale", perché l'irrazionalità ci coglie almeno una volta nella vita, e non sarà bello ne giusto, ma accade. A quante è capitato di ripensare ad avvenimenti passati e odiarsi per come abbiamo reagito? Ho apprezzato molto questa strategia narrativa dell'autrice. Insomma, ridurre o minimizzare il libro in questo modo non mi sembra giusto. Neanche per coloro che leggeranno e pensaranno che non vale la pena leggerlo. Modesta opinione da lettrice, buona giornata a tutti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Lettrice fra le righe!
      Sono consapevole del fatto che la mia recensione sia ben diversa da quella di molte altre lettrici/bloggher, eppure mi sembra di aver ben chiarito tutti i punti del libro, dalla sofferenza del tradimento che deve affrontare Azzurra, sino al superamento del problema, ad una maturazione mentale ed alla consapevolezza di essere una persona unica e importante per se stessa.

      Ci sono però molti modi di affrontare un problema o situazioni così difficili. La reazione che ha avuto Azzurra a me non solo non è piaciuta, ma io personalmente, non mi ci sono affatto ritrovata.
      Anch'io ho avuto 16 anni, anch'io sono stata innamorata, e anch'io ho sofferto tantissimo per amore. Eppure non ho mai FINTO che il problema non esistesse, non ho mai continuato a comportarmi come se nulla fosse accaduto con persone che mi avevano ferita e umiliata.
      La scelta dell'autrice di descrivere una protagonista che reagisce in questo modo, è evidentemente apprezzata da molti altri lettori.
      Ma non da me.

      Scrivere una recensione vuol dire esporre un libro dal proprio punto di vista.
      Come ho debitamente scritto, ho apprezzato la storia, le immagini (anche se purtroppo non ho potuto vederle a colori), le citazioni e tutte le frasi stupende che l'autrice ha composto.
      Ma la protagonista non mi è piaciuta. E non posso farci nulla.

      Sono felice che tu possa apprezzare la "strategia narrativa dell'autrice" di cui parli, ma a mio parere, non la vedo come una strategia, anzi, l'ho trovato un punto sfavorevole.
      Descrivere una ragazza che, molto più comunemente, soffre ma reagisce con rabbia, litigando con le persone che l'hanno umiliata, usata e distrutta emotivamente, sarebbe stato a mio avviso un comportamento più comune.
      In ogni caso, come ho scritto nella recensione, mi rendo conto che ognuno possa avere reazioni diverse davanti a questo tipo di situazioni.

      Il voto, in ogni caso, se hai ben notato, è positivo.
      Questo perchè ho tenuto conto di TUTTI i particolari del libro.
      E credo sia giusto che i miei lettori sappiano che tipo di protagonista andranno a trovare, nel bene e nel male.

      Elimina
  8. Ciao,
    ti ho nominato sul mio blog per il Liebster award 2016. Qui --> http://feboemuse.blogspot.it/2016/11/liebster-award-2016.html trovi tutto.
    Un bacio,
    Erica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Erica!
      Ti ringrazio! :)
      Andrò a vedere di cosa si tratta! :)

      Elimina

Questo blog vive grazie a voi lettori, che seguite e leggete i miei post.
Lasciate un commento e mi renderete felice! :)