venerdì 15 gennaio 2016

Frammenti di poesie #6: "Anima mia" di Nazim Hikmet


Buon venerdì cari lettori!!
Questa settimana è stata un po' particolare per me. Forse per colpa del tempo sempre nuvoloso o piovigginoso, inframezzato da sporadiche apparizioni di qualche raggio di sole, mi sono sentita sempre giù di corda.
Gli unici appigli per non sprofondare nel "non ho voglia di fare nulla, se non oziare sul divano" (che poi è una cosa impossibile viste tutte le cose che devo fare), sono stati gli abbracci e le coccole che per fortuna mi vengono elargite in grande quantità dal mio compagno.
Ah, se non avessi lui!! <3 <3 <3

Il tema della poesia di questa settimana è dunque l'amore e, più nello specifico, gli abbracci! Qualcosa di speciale, in grado di trasmettere una forte energia e di cui non potremmo mai fare a meno!
Vi lascio quindi una "coccola" del grande poeta greco Nazim Hikmet, con la sua "Anima mia".


Anima mia
Anima mia
chiudi gli occhi piano piano
e come s’affonda nell’acqua
immergiti nel sonno
nuda e vestita di bianco
il più bello dei sogni ti accoglierà

anima mia
chiudi gli occhi piano piano
abbandonati come nell’arco delle mie braccia
nel tuo sonno non dimenticarmi

chiudi gli occhi pian piano
i tuoi occhi marroni
dove brucia una fiamma verde
 anima mia.


La scelta di questa poesia è caduta grazie alla dolcezza e un certo torpore di benessere che mi ha trasmesso.
Lo so, le mie parole sembrano strane, ma è stato proprio quello che ho provato.
Mi sono sentita cullare dalla levità delle parole di Hikmet, abbandonata tra le sue soavi frasi, quasi mi stessero veramente abbracciando.
Il poeta invita certamente a concedersi  al sonno, ma anche a qualcosa di più.  Le sue braccia, infatti, sono una promessa di pace, amore e serenità.
Sono un porto sicuro tra le tenebre del sonno, luogo recondito in cui mi sento sempre indifesa perché lontana dalla realtà, in un mondo che non posso minimamente controllare.
Ma sono curiosa di sentire i vostri pareri, cari lettori. Che cosa vi ha fatto provare questa poesia? (se tale cosa è successa), e soprattutto a cosa vi ha fatto pensare?

Un abbraccio,
Jasmine





7 commenti:

  1. Trovo molto buffa e perfetta la vignetta alla fine ah ah
    E' una poesia molto bella, mi piace molto. Mi da quasi un senso di pace, si credo proprio che pace sia la parola giusta anche se poi alla fine dipende dalla persona che la legge la sensazione che trasmette e proprio per questo trovo la tua rubrica molto interessante.

    RispondiElimina
  2. Ti ringrazio Susy! Non sai quanto mi faccia piacere sapere che trovi questa rubrica interessante! E anche che la poesia ti trasmetta un senso di pace! ;)
    Io non sono una grande fan delle poesie, lo ammetto, ma proprio per questo motivo ho voluto lanciare una sfida a me stessa, per cercare testi che mi colpiscano, mi facciano provare emozioni e rivalutare quest'arte antica e profonda che gli insegnanti a scuola, purtroppo, mi hanno fatto detestare a suon di strofe da imparare a memoria, con parole incomprensibili, nonostante facessi una fatica tremenda a tenerle a mente!

    La vignetta é simpatica, ma soprattutto veritiera: è stato appurato da vari studi che l'energia trasmessa tra due corpi che si abbracciano in modo sincero e per più di quattro secondi, ha una forza tale da dare il via ai benefici riportati nella vignetta! :)

    RispondiElimina
  3. Un abbraccio è uno dei gesti più belli in assoluto :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo! l'importante è che sia sincero! ;)

      Elimina
  4. Una poesia meravigliosa che mi ha trasmesso il calore di un abbraccio. Complimenti per la scelta.

    RispondiElimina
  5. Sono davvero felice che ti abbia trasmesso quello che ho provato io! :)

    RispondiElimina
  6. Semplicemente wow! Bellissima questa poesia!

    RispondiElimina

Questo blog vive grazie a voi lettori, che seguite e leggete i miei post.
Lasciate un commento e mi renderete felice! :)